donna del caviglione balzi rossi

La Donna del Caviglione

Quale data migliore dell’8 marzo per celebrare una donna? E che donna, aggiungo io. Una donna che ha la bellezza di 24 mila anni, e se li porta benissimo. Come se non bastasse, questa signora di 24 mila anni fino a pochissimo tempo fa era considerata un uomo.

invito balzi rossi_mail_def

Vi parlo della Donna del Caviglione, fino a poco tempo fa nota come l’Uomo di Mentone.

Siamo ai Balzi Rossi, eccezionale sito preistorico al confine tra l’Italia e la Francia: a pochi km da Ventimiglia e da Mentone, quasi in riva al mare, nella falesia rocciosa si apre una serie di grotte chiamate in dialetto “Bausi” ossia “buchi”, da cui in italiano “Balzi”. Questo luogo ha assistito a numerose variazioni del livello del mare che 100.000 anni fa era 120 m più basso rispetto ad oggi. La zona dei Balzi Rossi è stata frequentata dall’uomo preistorico per un periodo di tempo che va dal Paleolitico inferiore (230.000 anni fa, Homo Heidelbergensis) al Paleolitico superiore (10.000 anni fa, Homo Sapiens): nelle grotte e al di fuori di esse si sono accumulati nel corso dei millenni ingenti depositi ricchi di resti faunistici e di manufatti litici, oltre a importanti sepolture, rinvenuti grazie a secoli di scavi archeologici.

balzi rossi_panoramica delle grotte
Le grotte dei Balzi Rossi

Tra le sepolture rinvenute ai Balzi Rossi, una delle più degne di nota è quella dell’Ex- Uomo di Mentone.

Da Uomo di Mentone a Donna del Caviglione

donna del caviglione1
La ricostruzione del volto della Donna del Caviglione. Credits di quest’immagine e dell’immagine in evidenza: SanremoNews

Correva l’anno 1872 quando l’équipe di scavo dell’archeologo Emile Rivière portò alla luce, nella grotta del Caviglione, uno scheletro il cui cranio era rivestito da una cuffia di conchiglie e denti di cervo. Il ritrovamento fece molto scalpore e lo scheletro, battezzato “Uomo di Mentone” fu portato a Parigi, all’Institut de Paleontologie Humaine. Qui è stato studiato recentemente da un’équipe internazionale guidata da Henry De Lumley che ha ribaltato totalmente ciò che si credeva di sapere: l’Uomo di Mentone in realtà è una donna. Vissuta in epoca gravettiana, una frazione del Paleolitico Superiore che si data a 24 mila anni fa, morì alla veneranda età di 37 anni. La donna, stando alla conformazione delle ossa, doveva aver avuto almeno un figlio nel corso della sua vita. Sempre l’ossatura riporta una ferita da difesa: un po’ poco per capire come morì ma certo, considerando l’epoca, a 37 anni era sicuramente “anziana”. Ribattezzata Donna del Caviglione, è oggi al centro del nuovo allestimento del Museo dei Balzi Rossi.

Il riallestimento del museo dei Balzi Rossi

La nuova recuperata identità della Donna del Caviglione ha dato impulso al riallestimento complessivo del museo. Tra le novità, proprio la ricostruzione del volto della Donna del Caviglione, realizzata dall’équipe del prof. De Lumley.

Il riallestimento ha consentito di dedicare uno spazio del museo anche a un altro sorprendente rinvenimento: lo scheletro di un giovane elefante contemporaneo all’Uomo di Neanderthal e che fino ad oggi era visibile in un allestimento solo parziale all’interno del museo. La sala ora ospita una ricostruzione scenografica in scala reale dell’animale rinvenuto negli scavi, testimonianza di una specie estinta millenni fa. Il giovane esemplare fu cacciato dal gruppo di Uomini di Neanderthal che viveva qui: fu probabilmente spinto in una buca e così catturato, fu mangiato dalla popolazione dei Balzi Rossi.

balzi rossi_museo in corso di riallestimento
Il Museo dei Balzi Rossi in fase di riallestimento

Oltre al museo, ai Balzi Rossi sono visitabili alcune delle grotte frequentate dall’uomo preistorico: la Grotta di Florestano, la Grotta del Caviglione a Nord della ferrovia, la Barma Grande, il Riparo Bombrini. Non sono visitabili invece la Barma du Bausu da Ture (distrutta da lavori di cava) a Sud, né la grotta del Principe a Nord.

Oggi, 8 marzo, inaugura proprio il nuovo percorso espositivo con i nuovi materiali relativi alla Donna del Caviglione e al giovane elefante. Nel corso della giornata sono previste visite guidate dalle ore 15 e alle donne è riservato l’ingresso gratuito.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...