museo archeologico lima maschera lambayeque

In Perù è guerra al mercato clandestino di reperti archeologici

Per continuare le mie riflessioni sulla politica culturale del Perù in fatto di archeologia e di rapporto tra archeologia e turismo, bisogna prendere in considerazione un fattore che per anni ha sicuramente danneggiato l’archeologia peruviana: il traffico illecito di manufatti … Continua a leggere In Perù è guerra al mercato clandestino di reperti archeologici

Non di soli Inca vive il Perù

Sono appena rientrata da un viaggio di due settimane in Perù. Paese interessante dal punto di vista paesaggistico/naturalistico, lo è ancora di più dal punto di vista del suo patrimonio archeologico, che ogni anno attrae da tutto il mondo milioni di turisti. I due focus principali che veicolano il traffico turistico sono ovviamente Cusco e soprattutto Machu Picchu, la cui fama è legata alla bellezza e imponenza delle loro vestigia monumentali legate agli Inca. Quello che mi preme sottolineare in questo post come nei successivi che dedicherò al Perù, è l’intelligente politica culturale fatta da un paese, il Perù appunto, … Continua a leggere Non di soli Inca vive il Perù

In Australia il Colosseo è fatto di Lego

Il Nicholson Museum (mi) fa di nuovo parlare di sé. Questa volta il museo archeologico universitario di Sydney lascia da parte la fantasia classica che avvolgerebbe gli Etruschi, ma ha conquistato il pubblico australiano (e non solo) grazie alla realizzazione di uno strepitoso modellino del Colosseo in Lego. La notizia è stata portata in Italia da Astrid d’Eredità (@astridrome su twitter) su PaeseSera, che nel suo splendido articolo racconta com’è nata l’idea, e la realizzazione, del Colosseo di Lego, e che punta anche l’accento sul fatto che la realizzazione del monumento in miniatura poteva essere seguita passo passo su twitter, … Continua a leggere In Australia il Colosseo è fatto di Lego

Il primo post del Museo Archeologico Nazionale di Venezia

Succede. Alle volte succede. Le congiunzioni astrali particolarmente felici esistono. Così un vecchio progetto, meglio idea, che tanti anni fa io e Matteo Sicios accarezzavamo a Genova, quando lavoravamo al blog di Comunicare l’Archeologia, oggi in qualche modo diventa realtà. All’epoca la nostra idea era di mettere le nostre competenze di archeologi/blogger/comunicatori al servizio di un’istituzione deputata alla tutela e conservazione del Patrimonio Archeologico ligure offrendoci di fare da addetti stampa, da aggregatori di notizie di archeologia relative alla Liguria e di diffusori a nostra volta di notizie attraverso la rete. Creare un luogo virtuale di riferimento per chi volesse … Continua a leggere Il primo post del Museo Archeologico Nazionale di Venezia

I-Archaeology: viaggio nel mondo delle apps di archeologia: I-mibac top 40

Come promesso nel precedente articolo, inizia con oggi una rassegna delle applicazioni per I-Phone e I-Pad relative all’archeologia e ai musei. Oggi l’attenzione è rivolta alle applicazioni prodotte sotto gli auspici del Mibac, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e in particolare dalla Direzione Generale per la valorizzazione del patrimonio culturale in collaborazione con il Ministero del Turismo. I-Mibac top 40 è l’applicazione con la quale il Ministero fa conoscere all’utente I-Phone i 40 musei e luoghi della cultura – siti e parchi archeologici, complessi monumentali – a suo giudizio più importanti d’Italia. La selezione è effettuata col … Continua a leggere I-Archaeology: viaggio nel mondo delle apps di archeologia: I-mibac top 40

Gli Etruschi? Per gli Australiani sono una “fantasia classica”

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:”Tabella normale”; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:””; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:”Calibri”,”sans-serif”; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;} “Etruscans: a classical fantasy” è il titolo di una mostra inaugurata recentemente a Sydney, presso il Nicholson Museum. Fin dal titolo, la mostra fa discutere sull’approccio che si ha in Australia in merito all’archeologia di casa nostra.   Un piccolo spazio ricavato all’interno della già di per sé piccola sala che ospita il Nicholson Museum ospita … Continua a leggere Gli Etruschi? Per gli Australiani sono una “fantasia classica”

Un museo di archeologia classica nel cuore di Sydney: il Nicholson Museum

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:”Tabella normale”; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:””; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:”Calibri”,”sans-serif”; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;} Il Nicholson Museum è un piccolo museo universitario che costituisce il solo museo di Archeologia del Mediterraneo e del Vicino Oriente Antico dello stato australiano del New South Whales, di cui Sydney è capitale. Visitarlo permette di capire che idea hanno gli Australiani dell’archeologia classica.   Sydney, ottobre 2011. È un museo piccino, il Nicholson Museum, … Continua a leggere Un museo di archeologia classica nel cuore di Sydney: il Nicholson Museum

What about Archeologia in Australia?

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:”Tabella normale”; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:””; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:”Calibri”,”sans-serif”; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;} Inizia con questo articolo un breve dossier sull’archeologia in Australia. Terra scoperta solo a fine Settecento e colonizzata a partire dal secolo successivo, non vanta una grande tradizione archeologica, sia perché gli insediamenti coloniali e le prime testimonianze dell’occupazione europea vengono studiati giustamente con metodo storico, sia perché lo studio dei siti aborigeni, completato dagli scavi … Continua a leggere What about Archeologia in Australia?

Marc Augé, Rovine e macerie. Il senso del tempo

Questo piccolo e prezioso libro in realtà non rientrerebbe in una biblioteca di archeologia. Marc Augé è un antropologo della contemporaneità, lui studia l’uomo e i luoghi che esso frequenta, non parla del nostro passato. O forse sì? In Rovine e Macerie, Augé affronta le rovine sotto vari punti di vista. E inizia prendendo spunto da un’illustre citazione: Sigmund Freud il quale, giunto per la prima volta ad Atene, sull’Acropoli pensa “Dunque tutto questo esiste veramente, proprio come l’abbiamo imparato a scuola?”: da qui parte una riflessione sul senso del tempo davanti alle rovine di un’antica civiltà, meglio, di un sito … Continua a leggere Marc Augé, Rovine e macerie. Il senso del tempo

Prima di Riva Ligure: si conclude la campagna di scavi e si presentano i risultati

Si conclude in questi giorni la III Campagna di scavo nell’area archeologica di Capo Don a Riva Ligure (IM), sito già interessato in passato da importanti campagne di scavo, condotte da Nino Lamboglia, che portarono in luce una basilica paleocristiana con annesso fonte battesimale. Gli scavi, ripresi tre anni fa e nati dalla collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria e il Pontificio Istituto di Archeologia Crisitana, sono ripartiti da dove si erano interrotti e domani sera a Riva Ligure, presso la Sala Polivalente di via Giardino, alle 21, gli archeologi incontreranno la popolazione per spiegare le … Continua a leggere Prima di Riva Ligure: si conclude la campagna di scavi e si presentano i risultati

LO SCAVO DELLE MURA SI “APRE” ALLA CITTA’: Ventimiglia romana incontra i suoi cittadini

  Mi piace segnalare un evento  di piccola ma importante comunicazione dell’archeologia: uno scavo archeologico in corso a Ventimiglia apre i battenti alla cittadinanza per mostrarsi, per svelare qualcosa del passato della città romana, che a suo tempo fu fiorente e che già all’epoca, e parliamo di 2000 anni fa, era una città di frontiera.   Venerdì 1 luglio, alle ore 15, lo scavo archeologico in corso di svolgimento nell’area delle mura settentrionali di Albintimilium si apre alla città: turisti, residenti, appassionati e semplici curiosi potranno visitare l’area dove giovani archeologi illustreranno ai visitatori lo scavo e il mestiere dell’archeologo. … Continua a leggere LO SCAVO DELLE MURA SI “APRE” ALLA CITTA’: Ventimiglia romana incontra i suoi cittadini

L’Aquila e il Dragone. Quando il titolo della mostra non coincide con il contenuto…

Si concluderà a breve, anzi brevissimo (il 6 febbraio 2011) la mostra esposta a Roma, Palazzo Venezia, dal titolo “I due imperi. L’Aquila e il Dragone”. L’evento, che si inserisce in una serie di iniziative culturali che da qualche anno a questa parte ha come obiettivo quello di presentarci la storia della civiltà cinese, propone, a sentire il titolo, un tema quantomai interessante e ricco di spunti e suggestioni: un confronto, possibile anche per i parametri cronologici scelti, tra due potenze mondiali che all’incirca  nello stesso periodo crearono, l’una sul Mediterraneo, l’altra negli sterminati territori dell’Asia, un impero non solo politico, … Continua a leggere L’Aquila e il Dragone. Quando il titolo della mostra non coincide con il contenuto…