The science must go on

Fornisco il link ad un interessantissimo articolo apparso su DA – la rivista per superare le barriere culturali scritto da Marco Ferrazzoli (Ufficio Stampa CNR) in collaborazione con Francesca Lippi, in cui si affronta lo spinoso tema/problema del comunicare la scienza al pubblico, del linguaggio da utilizzare per non scadere nella banalità o peggio nella fantasia, dell’atteggiamento del ricercatore nei confronti del pubblico cui si deve riferire e infine, ultimo ma non ultimo, dell’obbligo morale che ha il ricercatore di divulgare la propria ricerca e/o scoperta.

http://www.daonline.info/pagine/art1_polo.php

Lo segnalo e vi invito a leggerlo anche perché offre molti spunti di riflessione anche a chi si occupa di archeologia, e nello specifico di comunicazione in archeologia. La ricerca di un linguaggio accessibile a tutti, l’attenzione a non scadere nel banale e nel fantastico da un lato, e nello sterile nonché incomprensibile nozionismo dall’altro, la necessità di divulgare la scoperta come obbligo morale e sociale dell’archeologo sono temi tra l’altro attuali e affrontati da più parti. Chissà, magari interagendo con le altre discipline che si ritrovano ad affrontare questo problema forse potrebbe scaturire qualcosa di utile e di costruttivo… 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...